Monday, 21 January 2019 12:21

Nelle pieghe del Tempo

Nelle pieghe del Tempo, un film consigliato.

Ciao, in questo periodo nessun altro film si rivela così coerente con i nostri tempi, ho introdotto l'Argomento Universo come parte di ciascuno di Noi in un precedente video presente qui nel blog, e la sera stessa dopo essermi svegliato in piena notte a causa di una forte tosse di mio figlio, non riuscendo a riaddormentarmi ho deciso di guardare questo film, disinteressandomi completamente della descrizione della trama, e quindi non aspettandomi nulla di più di un semplice film di fantascienza con ragazzi. La Disney non ha mai deluso in fatto di temi fantastici, e non lo ha fatto neppure con questo film i cui protagonisti sono piuttosto noti nel panorama cinematografico americano, parliamo infatti di Oprah Winfrey, Reese Whiterspoon, Chris Pine, Zack Galifianakis,

tra quelli più noti, probabilmente in sé con la loro presenza hanno dato un valore aggiunto, rispetto al susseguirsi di scene con effetti speciali che risultano a tratti stucchevoli per i miei gusti.

Due cenni sulla trama

La storia brevemente parla della scomparsa improvvisa di uno scienziato che attraverso un portale improvvisamente si proietta in un viaggio nell'universo, rimanendo intrappolato nell'oscurità in cui tutto imperversa, i figli grazie all'aiuto di tre figure proveniente dal magico universo, si metteranno presto sulle tracce del loro padre anche grazie all'aiuto di un amico che sembra avere un debole per la ragazza protagonista, in questo viaggio presto emergeranno le difficoltà e gli ostacoli dovuti al sopraggiungere di emozioni che renderanno il compito più arduo e che coinvolgeranno i punti deboli dei tre ragazzi. La forte relazione tra il mondo interiore come universo proiettato nell'universo intero, resta l'elemento focale e significativo dell'intero film e solo superando tali ostacoli interiori, l'oscurità perde il suo vigore. 

Tra Fantasia e Realtà

I film della Disney sono tutti improntati sulla Fantasia, e tutti ci insegnano quanto la stessa in realtà sia parte della nostra Natura e del nostro Essere, spesso spostando quel confine che è caratteristico dell'Essere Adulto e più tipico del bambino, all'interno del Mondo Reale e ampliando la nostra capacità di percezione delle cose e delle nostre esperienze, tutto questo ci riporta molto sulla strada della comprensione di noi stessi che troppo spesso rileghiamo ad un contesto più strettamente spirituale, ma intendendo la spiritualità più come una ricerca filosofica che nulla ha a che vedere con l'Appartenenza e la credenza Religiosa. La comprensione che abbiamo di noi stessi si limita troppo spesso alla proiezione che abbiamo di noi stessi in un settore che è la vita e in quadranti che sono i diversi aspetti della stessa, ma difficilmente ci rapportiamo con la nostra Natura Astrale e del nostro far parte dei processi dell'Universo, distinguiamo le cose perché la nostra identità è rilegata in un corpo che appare minuscolo a livelli infinitesimali. Così questo nostro identificarci ci allontana da uno dei canali preferiti per muoverci in questa comprensione che è la Fantasia.

Consigliamo la visione con un angolo di osservazione più amplio per comprendere le correlazioni che ci sono su certe conoscenze che metto a disposizione per coloro che vogliono approfondire un certo sapere di Sé.

Rate this item
(0 votes)

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.